foto 2 b IMG_4260

La Settemari in Armenia

SETTEMARI IN ARMENIA

a cura di Luisa Vianello e Costanza Azzi

Eccoci giunti al viaggio in Armenia di ottobre 2017, che conclude il lungo anno di festeggiamenti del 40^ Anniversario dell’Associazione, sostenuto e progettato in prima persona dalla Presidente con la preziosa collaborazione di padre Elia, amico della Settemari ormai dai tempi  del primo Presidente Alfredo Borsato, per ricordare così insieme anche  la celebrazione dei 300 anni di presenza dei padri armeni mechitaristi  a Venezia.

foto 2 IMG_4260

foto 1 IMG_0312

foto 2 a IMG_0311

Il gruppo di viaggio dei 16 soci settemarini si dimostra subito ben amalgamato e molto  affiatato e Vahe’, che ci accoglie all’aeroporto quale guida del nostro itinerario in terra armena, si rivela già dal primo approccio  quanto di meglio potevamo sperare.

foto 3 IMG_4573

L’itinerario programmato per il viaggio risulta, fin dal primo momento, molto coinvolgente partendo da un iniziale approccio panoramico alla capitale Yerevan, con il mastodontico monumento di stampo sovietico della Madre Armenia per  continuare poi con i siti più importanti della città e girovagando  anche un po’ a piedi come piace a noi veneziani.

WEB foto 4 Yerevan madre Armenia IMG_4516

WEB foto 5 Yerevan SAM_4538

WEB foto 6 IMG_20171025_175158919

WEB foto 7 Yerevan IMG-20180319-WA0001

A sera padre Elia ha preparato presso il suo convento  il primo momento di saluto con aperitivo, che si è invece alla fine rivelato  una cena con i più appetitosi ed invitanti cibi armeni con gran varietà di piatti di verdure, stuzzichini, carni, pesci e salsette !.
WEB foto 8 IMG_4589

WEB foto 9 IMG_4763 anna b

I giorni successivi di viaggio fuori Yerevan  ci fanno appassionare all’Armenia per la varietà dei paesaggi che offre questo territorio: dalle terre alte dell’acrocoro, solcate da gole profonde e  tortuose in cui steppe erbacee si alternano a zone ricche di verde, alla visione  imbiancata del monte Ararat  che sovrasta chi lo guarda in tutta  l’imponenza dei suoi 5.165 m slm e purtroppo oggi in terra turca, ai  percorsi della Via della Seta tra le vaste pianure coltivate a  vigneti, i canyon in ambiente montano solcati nei secoli da fiumi, le  grandi estensioni dei laghi fino ad arrivare al punto più alto del  nostro itinerario a 2.410 m slm al passo Selim con visita del  Caravanserraglio del XIV secolo in basalto scuro.

WEB foto 10 panorama SAM_5045


WEB foto 11 panorami SAM_4999


WEB foto 14 panorami SAM_4991


WEB foto 15 panorami SAM_4805


WEB foto 16 panorami SAM_5147


WEB foto 17 Selim SAM_5077 (2)

WEB foto 18 Selim SAM_5077 (1)

Durante tutto questo percorso abbiamo avuto la sorpresa di piacevoli tappe culinarie in ambienti particolari ed accoglienti, con ottimi pranzi e cene preparate con ingredienti genuini, semplici ma dai sapori sicuramente intensi e particolari e terminati con coloratissima frutta candita e seccata.

WEB foto 19 Tatev

Seguendo  l’itinerario programmato abbiamo potuto ammirare e visitare alcune delle  principali bellezze del patrimonio artistico culturale dell’Armenia  quali:

– il monastero semirupestre fortificato di Ghegard audace nella sua struttura e circondato da ripide pareti rocciose con coloratissima vegetazione autunnale

WEB foto 20 Gheghard SAM_4578

WEB foto 21 Gheghard SAM_4625

– l’imponente tempio pagano di Garnì  dedicato al dio Sole e unica opera di architettura classica in Armenia

WEB foto 22 Garni IMG_4606

– il monastero fortificato di Khor Virap uno dei più significativi luoghi di pellegrinaggio

WEB foto 23 Khor Virap SAM_4706

WEB foto 24 Khor Virap SAM_4678

– il monastero di Novarank complesso molto originale di chiese a tre piani in tufo rosa

WEB foto 25 Novarank SAM_4734

WEB foto 26 Novarank IMG-20180319-WA0002

– l’osservatorio astronomico di Karahundj del 3500 a.C. a 2000 m di altitudine

WEB foto 27 Karahundj SAM_4812

WEB foto 28 Karahundj MG_2012171022_181308632_BURST001

– la città rupestre di grotte nel tufo di Khundzoresk con il ponte tibetano basculante

WEB foto 29 Khndzoresk

WEB foto 30 grotte

– il monastero di Tatev in posizione dominante su due vallate che, tra il IX e il XIII secolo, ha rappresentato uno dei centri più attivi per la produzione di libri e miniature

WEB foto 31 Tatev IMG_20171023_142607699

WEB foto 32 Tatev SAM_4946

– il cimitero di Noraduz grandissima estensione di tombe e khachkar di basalto e tufo dal IX al XVII secolo

WEB foto 33 Noraduz SAM_5115

WEB foto 34 Noraduz

– il monastero sul lago Sevan in posizione molto scenografica circondato da montagne

WEB foto 35 Sevan IMG_20171024_154306078

– il monastero di Haghartzin del XII-XIII secolo immerso in un bellissimo parco e gioiello dell’architettura armena.

WEB foto 36 Haghartzin 20171024_183415

WEB foto 37 haghartzin SAM_5177

Tutto ciò ci ha fatto avvicinare alla storia dell’Armenia, seguendo le vicende di San Gregorio l’Illuminatore, il patrono dell’Armenia che convertì la nazione al Cristianesimo nel 301 d.C., per continuare con il monte Ararat montagna dove, racconta il libro della Genesi, approdò l’arca di Noè e per arrivare fino al XIII secolo con le visite di diversi importanti centri spirituali e culturali dell’Armenia medievale, molto attivi per la produzione di libri e miniature che hanno contribuito in maniera determinante alla conservazione della cultura armena e dei quali molti manoscritti sono ora custoditi al Matenadaran di Yerevan (la biblioteca con la più grande raccolta di manoscritti al mondo, più di 17.000 tra codici miniati e manoscritti antichi e medievali).

Rientrati a Yerevan visitiamo i principali musei e monumenti della città, restando particolarmente impressionati dalla visita del Memoriale del genocidio che ha segnato in modo tragico e doloroso la travagliata storia e resistenza di questo antichissimo popolo, espressione di una civiltà millenaria.

WEB foto 38 Yerevan Matenadaran SAM_5276

WEB foto 39 memoriale IMG_4723

WEB foto 40 memoriale IMG_4701 (2)

Con intervalli di rilassanti percorsi a piedi, da noi molto graditi, finiamo con il giro ad una distilleria di brandy, con assaggi dei 7 e 10 anni di invecchiamento. Non usciamo di certo a mani vuote dal negozio annesso alle distillerie, per portarci così a casa un souvenir tanto raffinato ed esclusivo !!.

WEB foto 41 distilleria cognac IMG_4633

L’ultimo giorno visitiamo alcuni siti di interesse nei dintorni della capitale per  dare poi un’occhio anche al tradizionale bazar alimentare, vero trionfo di colori e di profumi, e al Vernissage, famoso mercato dell’artigianato.

WEB foto 42 Echmiadzin IMG_4769

WEB foto 43 zvartnots 2^ fotoIMG_4754

WEB foto 44 Yerevan vernissage IMG_20171027_150640979_BURST000_COVER_TOP

WEB foto 45 Yerevan bazar IMG_20171027_162749853 (1)

Concludiamo questa nostra esperienza in terra armena con una ricca e gustosa cena preparata da padre Elia nel Collegio mechitarista dove ora risiede. Il vecchio legame di amicizia di noi veneziani con i padri armeni ha fatto così concretizzare questo interessantissimo viaggio che ci ha dato modo, oltre a tutto quanto visitato, di conoscere con vero piacere la nostra validissima e simpatica guida Vahe.

WEB foto 46IMG_4734

WEB foto 47 bis IMG_4765

WEB foto 47 FOTO_20180319_132843

Discorsi, brindisi, foto ufficiale con i soci Settemari rigorosamente in divisa, megatorta con tutti i nomi dei partecipanti offerta da Vahè e esibizione di canti tradizionali di un coro femminile armeno nella suggestiva cappella del Collegio suggellano un viaggio che sicuramente resterà nei nostri cuori e ricordi.

WEB foto 48 canti IMG_4760

WEB foto 49 torta SAM_5531

WEB foto 50 Settemari in Armenia

WEB foto 51 IMG_4748

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *